Il primo bilancio di sostenibilità di “Parma, io ci sto!”

20 settembre 2018


Giovedì 20 settembre 2018
. Il primo Bilancio di Sostenibilità di “Parma, io ci sto!” protagonista nelle sale del Palazzo del Governatore a Parma con l’obiettivo di comunicare a tutti i portatori di interesse i traguardi raggiunti, le sfide e gli obiettivi futuri, in un’ottica di condivisione e trasparenza.
Il Bilancio di Sostenibilità mira a delineare un quadro completo e trasparente della complessa interdipendenza tra i fattori economici e sociali caratteristici del contesto in cui l’associazione opera. Inoltre, descrive il modello di gestione delle tematiche identitarie e distintive che i soci promotori, tra cui Alessandro Chiesi, Guido Barilla, Andrea Pontremoli, Unione Parmense degli Industriali e Fondazione Cariparma, insieme agli associati, portano avanti. Nei primi due anni di attività l’Associazione ha investito oltre 350 mila euro in progetti destinati al territorio ed ha inoltre moltiplicato l’impatto della sua azione diretta attraverso “l’accensione” di iniziative realizzate con i fondi messi a disposizione dai suoi associati  e da diverse realtà parmensi.

Verdi Off, Parma 2020 capitale italiana della cultura, Parma city of Gastronomy, Scuola di Alta Formazione sugli alimenti e la nutrizione, Complesso di San Paolo, Food Farm 4.0, sono solo alcuni tra i progetti promossi dall’associazione nei due anni di attività che hanno contribuito all’impulso del territorio anche in termini di visibilità, sviluppo, crescita visitatori.
Il primo Bilancio di Sostenibilità di "Parma, io ci sto!" relativo all’esercizio 2017 è stato redatto in conformità ai GRI Sustainability Reporting Standards, con il supporto tecnico-metodologico di Deloitte & Touche S.p.A.. I contenuti del Bilancio sono stati definiti sulla base dell’analisi di materialità condotta nel corso del 2017.

“Il nostro DNA è espresso chiaramente nel nostro nome “Parma, io ci sto!” ossia siamo pronti a cambiare, a trasformare, ma soprattutto a “fare”. L’obiettivo è essere motore reale di un movimento, di un’azione che, attraverso la creazione di tavoli di lavoro prima e di modelli di dialogo e collaborazione poi, sta contribuendo a costruire il futuro di Parma e del suo territorio – dichiara il Presidente dell’Associazione Alessandro Chiesi - Quello che abbiamo visto accadere nei due anni di vita di “Parma, io ci sto!” è senz’altro motivo di orgoglio e sento che ne siamo davvero parte attiva: la creazione di un dialogo pubblico-privato che lavora per azioni che valorizzino le nostre competenze ed eccellenze, con uno sguardo sempre aperto agli stimoli esterni e al contempo attento all’approccio metodologico.”

Partendo da un contesto caratterizzato dalla nomina di città creativa dell’Unesco per la gastronomia nel 2015 e di capitale italiana della cultura per il 2020 sono stati analizzati i principali parametri di sostenibilità per l’Associazione: dallo sviluppo della comunità e del territorio, agli impatti economici indiretti, dalla comunicazione alla gestione economica trasparente, dall’etica ai rapporti con gli stakeholder, all’impatto sull’opinione pubblica. 


L’Associazione “Parma, io ci sto!” si è costituita nel 2016 grazie a cinque soci promotori: Alessandro Chiesi, Guido Barilla, Andrea Pontremoli, l’Unione Parmense degli Industriali e Fondazione Cariparma. È con l’obiettivo di creare iniziative di eccellenza e valorizzazione del territorio che “Parma, io ci sto!” seleziona e sostiene i diversi progetti dedicati alle eccellenze del territorio: Buon Cibo, Cultura, Formazione e Innovazione, Turismo e Tempo Libero.